martedì 23 ottobre 2012

Magnesio: benefici e controindicazioni

Alimenti ricchi di magnesio

Il magnesio è uno dei minerali essenziali all’organismo umano, basti pensare che è protagonista di moltissime reazioni biochimiche, svolgendo, nel contempo, un ruolo fondamentale nel processo di assimilazione del potassio, del calcio e del fosforo; introdotto tramite alimenti o integratori, viene assimilato e in seguito espulso attraverso i reni.


Confezioni da 150 gr, 300gr o in bustine dosate
Sconto 10 %

Il magnesio viene spesso indicato per contrastare:
  • le contrazioni uterine (anche in gravidanza o nel periodo premestruale)
  • il mal di testa
  • distendere la muscolatura
  • eliminare i crampi (risolvendo così il problema fastidioso dei crampi che colpiscono di notte, a tradimento le gambe)
  • rinforzare lo smalto dei denti
  • svolgere azione vasodilatatoria
  • sedativo
  • contribuire alla formazione delle ossa
  • equilibrare il ph del sangue, 


Inoltre è generalmente indicato per svolge un’azione antidolorifica, utile in caso di tachicardia perché è un regolatore del ritmo cardiaco, mal di stomaco, tensione nervosa e irritabilità.

Stress e cattiva alimentazione possono purtroppo causare una carenza di magnesio perciò, in tutte queste situazioni, si potrà intervenire, in prima istanza, cercando di introdurlo con i cibi giusti e una dieta variata.

Come già indicato perchè il calcio possa essere correttamente assimilato, è essenziale che vi sia un corretto apporto di magnesio.

La carenza di magnesio può anche essere legata ad alcolismo, pancreatite, cirrosi epatica, diabete o in situazioni particolari legate ad assunzioni di farmaci, vomito o diarrea.

In generale, la mancanza di magnesio è segnalata da alcuni sintomi come crampi, tic nervosi, lesioni alle gengive, nervosismo, emicrania, confusione, reflusso gastrico, emicrania, debolezza muscolare, aritmie, stanchezza, tremori e calvizie.

E’ possibile introdurre questo minerale in maniera del tutto naturale tramite cibi ricchi di magnesio:

  • mandorle, 
  • anacardi, 
  • nocciole, 
  • pistacchi, 
  • semi di zucca, 
  • pinoli, 
  • agar agar, 
  • dragoncello, 
  • alloro, 
  • soia, 
  • verdura a foglia verde
  • spinaci, 
  • piselli, 
  • lupini, 
  • lenticchie, 
  • fagioli, 
  • patate, 
  • banane, 
  • cereali integrali, 
  • sesamo, 
  • noce moscata, 
  • ceci,
  • carciofi, 
  • parmigiano e molti altri alimenti. 
Una dieta basata su molte quantità di vegetali e cereali integrati permette perciò di coprire buona parte della necessità di magnesio.

È comunque consigliabile non esagerare perché l’introduzione di quantità eccessive di questo minerale può causare diarrea e crampi addominali mentre, in soggetti con insufficienza renale, l’eccesso si rivela molto più pericoloso e il surplus di magnesio, può causare anche vomito, aritmia, depressione, ipotensione e arrivare all’arresto cardiaco o il coma.

Nel caso in cui sia necessario ricorrere ad integratori, disponibili sia in polvere che in pastiglia, si dovrà fare attenzione ad assumerli lontano dal consumo di caffè e alcool che contrastano notevolmente il suo assorbimento.

1 commento:

Grazie per il tuo contributo. Tutti i commenti sono moderati e verranno pubblicati appena possibile.

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...