........ Facebook Google+

martedì 26 aprile 2016

Organizzare le proprie vacanze in bicicletta


Il fenomeno delle vacanze in bicicletta sta prendendo piede in tutto il mondo e la sua organizzazione richiede una serie di passaggi; innanzitutto, va pianificato abbastanza dettagliatamente il tragitto che si vuole percorrere, si deve avere un’idea di dove andare perché, partire a zonzo, anche se molto avventuroso, potrebbe celare insidie non da poco. Nel scegliere il percorso, bisognerà decidere come spostarsi per raggiungere la meta desiderata perché è possibile partire direttamente da casa in sella alla bicicletta o dirigersi verso una meta e da lì, spostarsi con biciclette prese a noleggio. Facciamo un esempio?
Tra i percorsi che possono essere seguiti, molti si svolgono nella Valle della Loira; qui è possibile raggiungere una città della Valle portando da casa la bicicletta in automobile, treno o aereo e da lì cominciare il proprio tour. In alternativa è possibile utilizzare un servizio di noleggio sul posto. Si dovrà naturalmente valutare attentamente i costi e le possibili combinazioni per il trasporto delle biciclette. E’ importante stabilire una sorta di percorso per creare tappe più o meno della stessa lunghezza e suddividere in maniera equa il consumo delle forze (generalmente, in questo tipo di vacanza si punta a tappe di circa 45/50 km giornalieri da suddividere nell'arco della giornata, con una velocità media di circa 15 km/h.) inoltre, bisognerà prenotare preventivamente i vari alberghi, b&b o campeggi in cui poter trascorrere la nottata, riposarsi, rifocillarsi e ripresentarsi al meglio la mattina seguente. Stabilito luogo, percorso, tappe, ricettività, bisogna dedicarsi alla bicicletta e al suo allestimento; la scelta del mezzo è relativa al percorso, mountain-bike, city-bike, bici da corsa... se il tracciato lo consente, la scelta viene quasi imposta ma, in ogni caso, un attento sguardo al mezzo va data. Bisogna perciò verificare che sia in perfette condizioni (luci, freni, gomme...), attrezzato con kit di salvataggio in caso di forature, e di una piccola pompa. Tutto deve essere il più leggero possibile. La bicicletta va dotata di borse da viaggio generalmente da ancorare ai lati della ruota posteriore; qui deve essere inserito il minimo indispensabile perché viaggiare troppo carichi potrebbe essere controproducente. Nel bagaglio è indispensabile riporre un abbigliamento da pioggia, in modo da non farsi cogliere impreparati in caso di maltempo.
Si può essere allenati e in forma ma la vacanza a due ruote deve comunque essere un vero piacere e un vero relax, non si può partire come si fosse in una gara professionistica anche se, nei giorni precedenti alla partenza è consigliabile saggiare il mezzo che, con il nuovo assetto e peso potrebbe essere una novità non necessariamente piacevole. Una componente importante di questo viaggio deve essere un'alimentazione bilanciata, se ci si abbuffa a pranzo, il pomeriggio sarà molto duro e difficoltoso mettersi in sella; bisogna assumere alimenti che non appesantiscano, che abbiano anche la giusta combinazione di carboidrati e proteine, garantiscano il reintegro di sali minerali e vitamine persi. Ne consegue che sulla bici un posto importante deve essere quello di una borraccia. Se il viaggio dovesse essere effettuato in una località straniera, sarà buona cura studiare norme e regole per evitare eventuali multe perché, per fare un esempio, in alcuni paesi sono d'obbligo la presenza di catarifrangenti davanti, dietro e tra i raggi delle ruote. Molte agenzie viaggio propongono pacchetti per chi vuole effettuare questo tipo di viaggio con tappe predefinite, assistenza in loco, noleggio furgoni per spostamenti e, in caso di viaggio all’estero, guida a disposizione; allo stesso modo, in molte città si trovano servizi di noleggio che consentono di trattenere la bici proprio per spostarsi nel territorio ed esplorarlo. E’ possibile trovare hotel che offrono sconti e servizi particolari a chi affronta una vacanza di questo tipo, con un’attenta ricerca è possibile trovarli e risparmiare ulteriormente. E se la bicicletta dovesse spostarsi? Non c’è problema, in alcune località è possibile trovare dei bicilavaggi, sono come i lavaggi auto, solo che per biciclette. Una vacanza in bicicletta è una vacanza all'insegna dell'economia e dell'ecologia che potrebbe celare piacevoli sorprese; in bici sarà possibile ammirare scorci di panorama altrimenti non visibili, osservare qualsiasi cosa, apprezzare la natura e perché no, fare quello che si vuole in qualunque momento.


Alcune risorse per organizzare le proprie vacanze in biciletta:
http://www.biciviaggi.it/
http://www.amicidellabicicletta.it/pratic/cvacanze.htm
http://fiab-onlus.it/bici/turismo-in-bici/viaggiare-in-bicicletta.html 
http://www.dueruotenelvento.com/chi.htm


2 commenti:

  1. Ciao!
    Molto interessante questo post e complimenti in generale per il blog :)
    Mi sono iscritta con piacere tra i tuoi lettori fissi (sono la lettrice nr 49), se ti va di ricambiare, o anche solo se ti va di dare un'occhiata al mio blog, mi trovi su www.mammatoday.com
    Un abbraccio,
    Angi

    www.mammatoday.com

    RispondiElimina

Grazie per il tuo contributo. Tutti i commenti sono moderati e verranno pubblicati appena possibile.

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...