........ Facebook Google+

mercoledì 7 dicembre 2011

KOYUKUK, rifugio per fauna selvatica in ALASKA


In Alaska esiste un suggestivo rifugio nazionale per la fauna selvatica è il
Koyukuk National Wildlife Refuge

Il parco di Koyukuk [http://koyukuk.fws.gov/] è stato istituito per la salvaguardia di uccelli acquatici, uccelli migratori, alci, caribù, salmoni e tanta altra fauna locale e più in generale per la tutela dell'ambiente e delle risorse naturali.

Il parco nazionale ha un'estensione di 3.500.000 acri (14.000 km2) e si trova all'interno della pianura alluvionale del fiume Koyukuk, in un bacino che si estende dal fiume Yukon alla Purcell Mountains e le pendici del Brooks Range.  

Questa è una regione di le zone umide, patria di pesci, uccelli acquatici, castori e alci, pianure e boschi in cui si trovano orsi, lupi, linci e matore. Una parte di questo enorme parco, 50.000 acri (3.000 km2), nella zona settentrionale di Innoko National Wildlife Refuge, è destinata a Rifugio e vi si trovano anche dei residence.  
La Innoko del Nord è ricca di zone umide ed è in parte destinata a zona di allevamento estremamente produttivo per gli uccelli acquatici migratori e pesci. I torrenti ed i fiumi del rifugio sono un fondamentale sostegno per tre specie di salmone, temoli artici e molte altre specie di pesci come il luccio, a volte di dimensioni notevoli.

Il Koyukuk National Wildlife Refuge possiede una grande diversità di tipi di habitat risultanti dall'erosione fluviale, deposizione, inondazioni, le azioni di incendio, e le variazioni topografiche. I fiumi e torrenti si snodano attraverso la pianura alluvionale formando fiumi serpeggianti molto suggestivi.

Gli habitat lontano da fiumi e canali torrente sono formati da salici e ontani, vicino aibordi dell'acqua si trovano alberi di pioppo, lasciando il posto a fasce di abete bianco, più lontano dall'acqua. Le varie formazioni di alberi sono intervallati da paludi, tundra e laghi erba.

Per visitare il parco c'è un accesso da Dulbi River.Il Koyukuk Rifugio si trova a circa 270 miglia a ovest di Fairbanks, e l'accesso è limitato ai viaggi aerei e fluviali in questa parte senza strade dell'Alaska.  

La maggior parte dei visitatori viaggiano con barche a motore, compresi canoe, kayak e gommoni, o motoslitta. Voli charter sono disponibili da Fairbanks e alcuni villaggi locali.
Le cose indispensabili per visitare questi parchi sono: mappe , bussola (e GPS), l'equipaggiamento di sopravvivenza, filtro per l'acqua, cibo ad alta energia, berretto, guanti e calzini in più. Presentare un piano di viaggio con il servizio di aerotaxi, la famiglia o gli amici prima di partire.  Ma indicazazioni più precise si trovano nei siti internet dedicati.

Durante le escursioni si possono vedere alci, orsi ed altre specie. Occorre fare rumore per dare loro la possibilità di uscire dalla strada che si sta percorrendo. L'Alce con i propri piccoli può essere pericolosa e corre veloce.  La regola è quella di tenersi a distanza di sicurezza.  I campi di sosta vanno mantenuti puliti e la spazzatura non va sotterrata perchè gli orsi la trovano facilmente e scavano. La stessa cose per le provviste che non vanno lasciate dentro le tende.

1 commento:

  1. Che bello!! Peccato che è in Alaska se no l'avrei viisitato volentieri

    RispondiElimina

Grazie per il tuo contributo. Tutti i commenti sono moderati e verranno pubblicati appena possibile.

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...