........ Facebook Google+

domenica 18 settembre 2011

Maschera astringente ,"fai da te", all'uva.

Uva biaca e nera
EVVIVA LA STAGIONE DELL'UVA ..

.. sarebbe il caso di gridare e non solo per il buon vino e tutto il resto.

Per chi ha problemi di pelle è un'occasione da non perdere !!

L'uva, utilizzata nel suo stato più naturale, è infatti un'ottimo rimedio per la pelle mista e per quella grassa.

E' risaputo, infatti ,che il succo d'uva e la sua polpa possiedono un deciso effetto astringente e leggermente schiarente, se utilizzato sulla pelle.

La pelle mista è quel tipo di pelle che in alcune zone è normale e in altre un po' più grassa e lucida, come nella fronte, intorno ai lati del naso e del mento, spesso ricchi di punti neri.
Il succo d'uva applicato sul viso rappresenta una valida alternativa a costose maschere che spesso contengono sostanze, non propriamente amiche della pelle.
Non dobbiamo mai dimenticare che tante creme contengono, in diverse quantità e composizione, degli ingredienti necessari per la conservazione, la fragranza, la colorazione e la densità delle stesse.

Ma che tipo di uva si può usare ? 
Può andare bene tutta, anche se in genere viene preferita quella bianca.
L'uva rossa o nera va bene solo dopo aver appurato che il tipo specifico di uva che si vuole utilizzare non macchi la pelle. Alcune uve nere, infatti, possono lasciare degli aloni colorati.


Di seguito sono riportate alcune ricette che ognuno potrà scegliere a seconda dei gusti, della curiosità e dei componenti posseduti in casa. Per tutte e tre le ricette si consiglia di evitare la zona degli occhi e della bocca, durante l 'applicazione, mentre è possibile applicarle nella zona del collo.



1) LOZIONE ASTRINGENTE ALL'UVA
Preparare questa lozione ad effetto astringente è molto semplice. È sufficiente schiacciare circa una decina di chicci d'uva con una forchetta o con le mani dentro una ciotola. Il liquido e la polpa ottenuti possono essere applicati, con le mani o con un batuffolo di cotone, su tutto il viso insistendo maggiormente sulle zone più grasse. Il tempo di posa è indicativo e dipende dai gusti, dal tipo di pelle e dal tempo disponibile comunque deve essere superiore ai 15 minuti e inferiore ai 25 minuti. Alla fine si sciacqua il viso con acqua tiepida per beneficiare di una sensazione di benessere e verificare una pelle più chiara, con i pori un po' meno dilatati.


2) MASCHERA ASTRINGENTE ALLO YOGURT E UVA
Sia uva che yogurt hanno un effetto astringente e schiarente. Miscelando questi due componenti si potrà beneficiare della sinergia di entrambi. A differenza della lozione precedente avremo un composto con una densità più agevole da mantenere sul viso. Per la preparazione bastano 5-6 chicchi d'uva da schiacciare e mescolare a 1/3 di un piccolo vasetto di yogurt.  Il composto ottenuto, ottimo per pelli grasse, va spalmato sul viso, tenuto per circa 15-20 minuti per poi risciacquare con acqua tiepida.


3) MASCHERA PURIFICANTE ALL'UVA E FARINA D'AVENA

Si schiacciano una decina di chicci d'uva e si mescolano (polpa e succo) insieme ad un cucchiaino di farina d'avena e qualche goccia d'olio d'oliva.  Ottenendo un composto, della densità che preferiamo, possiamo spalmarlo sul viso.
Volendo una maschera che abbia un effetto astringente e purificante, di olio ne va messo pochissimo, basta qualche goccia, il giusto per dare una consistenza più gradita.  Questo tipo di maschera è adatto per le pelli miste e grasse, ma un po' più delicate.
Si spalma il composto sul viso e va tenuto in posa per circa un quarto d'ora.
Prima di sciacquarlo completamente, con un po' d'acqua si sfrega leggermente sul viso, sfruttando l'effetto peeling prodotto dalla farina, insistendo un po' di più sulle zone di pelle più grassa.


Ed ora tutte alla ricerca dei preziosi chicchi d'uva   :-)

Ciao, a presto.

Nessun commento:

Posta un commento

Grazie per il tuo contributo. Tutti i commenti sono moderati e verranno pubblicati appena possibile.

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...